Dynamite Baits

3 October, 2017 | Carp | Articles | News

0 Comments

Decido di partire alla volta di un lago del nord Italia per cercare di catturare alcune delle mirror carp più grandi presenti. Il meteo non era dalla mia, il caldo afoso la faceva da padrone e la temperatura dell’acqua stava aumentando di giorno in giorno rendendo le carpe apatiche e poco vogliose ad alimentarsi. In ogni caso la sessione era stata pianificata nei minimi dettagli e di conseguenza non c’era meteo contrario che mi potesse fermare.

Arrivato di primo mattino, monto come di mia consuetudine prima il campo base poi per ultimo le canne. Non c’era fretta perché mi dovevo fermare per qualche giorno sulle sponde. Finito di montare il tutto inizio a sondare con il marker la zona di pesca e individuo nel sotto-riva un ottimo hot spot con gradini marcati e alcuni ostacoli sommersi, decido dunque di calare una canna proprio a ridosso degli ostacoli mentre le altre due le lancio a una media distanza in modo da creare un ventaglio e collegare la mia pasturazione.

Una volta lanciato le canne inizio ad alimentare le carpe con boiles del 20 mm CompleX-T e Scopex che avevo portato in abbondanza per cercare di portare in pastura le carpe più belle, decido inoltre di integrare un po’ di tiger nut e mais nel sotto-riva.

La giornata passa tranquilla senza nessuna partenza, mi preparo una bella cena dopodiché un immancabile caffè e via a letto nella speranza di essere svegliato nel pieno della notte. Verso le due della mattina una violenta partenza nella canna centrale innescata con doppia boiles allo scopex mi fa sobbalzare giù dal lettino; un combattimento bellissimo mi ha regalato una stupenda mirror dal peso di 35 lb, gioia infinita.

Una foto nell’oscurità e poi via di nuovo libera. Rilancio accuratamente la canna e poi torno in branda aspettando una nuova partenza. Passano le ore e arriva l’alba, il tempo di aprire gli occhi e una violenta partenza nel sotto-riva mi fa scattare fuori dalla tenda, ferro e dopo qualche minuto di combattimento guadino una bellissima specchi, un paio di scatti per immortalare la cattura e poi il rilascio in sicurezza.

Torno ad innescare una doppia complex-T e rilancio immediatamente la canna e mi rimetto in attesa. La giornata passa veloce senza nessuna cattura, verso sera provo a cambiare un innesco e opto per una singola pop-up fluoro complex-T, faccio uno stick con qualche boiles spezzettata e lo bagno con il liquido dynamite sempre complex-T, lancio con precisione nel punto prefissato sperando che mi regali un’altra bella specchi. La notte passa veloce e al mattino dopo una bella colazione inizio a smontare l’accampamento e sistemare la macchina per il rientro, mentre mi appresto a tirare su le canne una violenta partenza proprio nella pop up mi fa salire l’adrenalina a mille, ferro e porto a guadino un’altra superba specchi. Direi che non potevo chiedere di meglio di chiudere la sessione con una bellissima carpa.

Thomas Santandrea